“Basta Renzi!”: A volte per crescere occorre dire di NO. GRAZIE A TUTTI VOI

1

 Ce l’abbiamo fatta. Con Nocera si è conclusa la serie di incontri pubblici organizzati tra gli altri, dal Comitato per il NO “Basta Renzi” (anche se il nostro impegno proseguirà ininterrottamente fino alle 23 di Domenica 4 Dicembre). Abbiamo percorso una salita ardua fatta di un’iniziale diffidenza, ma con determinazione siamo riusciti a coinvolgere tanta gente, centrando il nostro obiettivo: far conoscere alle persone cosa si nasconde dietro quegli slogan ingannevoli che domenica prossima ci ritroveremo come quesito del referendum costituzionale. Con la forza di un carro armato e la passione di chi ci crede davvero, abbiamo cercato di arrivare dritti alla gente utilizzando diversi linguaggi che vanno dai social, al contatto diretto con le persone: dal porta porta ai gazebo, dagli incontri pubblici ai contraddittori; sempre c’eravamo, sempre ci abbiamo messo la faccia e continuiamo a farlo perché l’appuntamento di domenica non è poca cosa. Ciò che saremo chiamati a votare non è solo uno slogan fittizio, non è Renzi contro il resto dell’Italia come in tanti vogliono ridurre ad essere, ma è qualcosa di molto più importante, domenica votiamo il nostro futuro e con tutte le proporzioni del caso, sul calendario non ci sarà scritto 2 Giugno 1946, fuori, forse, ci sarà qualche fiocco di neve anziché un bel sole, ma paradossalmente qualche flash back scolorito lo rievoca: Repubblica (DEMOCRAZIA) o Monarchia (OLIGARCHIA)? Passano gli anni, ma non la sete di potere di alcuni uomini. Non è un caso che uno dei padri fondatori della Costituzione, Pietro Calamandrei scriveva: “ [..] Però la libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare, quando si sente quel senso di asfissia che gli uomini della mia generazione hanno sentito per vent’anni, e che io auguro a voi, giovani, di non sentire mai, e vi auguro di non trovarvi mai a sentire questo senso di angoscia, in quanto vi auguro di riuscire a creare voi le condizioni perché questo senso di angoscia non lo dobbiate provare mai, ricordandovi ogni giorno che sulla libertà bisogna vigilare, dando il proprio contributo alla vita politica”. Lo scrisse LUI 70 anni fa, che non aveva conosciuto ancora la sete di potere di un giovane sindaco fiorentino e lo ribadiamo noi oggi “OGNI GIORNO DOBBIAMO VIGILARE SULLA LIBERTA’, la stessa che ci sarebbe tolta qualora vincesse il SI, la libertà di voto, la libertà di scelta, la libertà di sognare un paese diverso..E allora se anche voi la pensate così, se in questi mesi le nostre parole vi sono arrivate, se credete che non sempre un cambiamento potrebbe essere positivo VOTATE NO, non lasciamo la nostra bella Italia nelle mani di poche persone, per altro non elette dal popolo, che fino ad oggi si sono solo dimostrate bugiarde, amici delle Banche e servi dell’Europa e non abbiate paura, perché vostro figlio potrà fare, comunque,rimanere in Patria e fare l’inventore…  #iovotono

Il Comitato per il No “Basta Renzi!” ringrazia tutti coloro i quali con passione e dedizione si sono resi disponibili per organizzare incontri, gazebo, volantinaggio, social e quant’altro e nello specifico un GRAZIE DI CUORE a Neva B. Alessio, Claudio Contessa, Eleonora Ferri,  Luciana Collarini, Marco Castellari, Riccardo Augusto Marchetti, Virginio Caparvi, Alessandra Valentini, Chiara Tomassini, Sandro Cretoni, Lorenzo Baratella, Luana Sensini Passero, Manuel Petruccioli,  Leonardo Latini, Alessandro Gori, Caterina, Riccardo Fedeli, Stefano Olimpieri, Antonio Aiello, Alesssia Muscari, Giacomo Cangi, G.Luca Drusian, Francesca Romana, Marco Caparvi, ai consigliere regionali LEGA NORD Umbria Emanuele Fiorini e Valerio Mancini e al Senatore(LN) Stefano Candiani

2                  4                         5                        6

3               7

z-a      x

y   9

Mille volte grazie a tutti voi
Luca Briziarelli e Manuela Puletti

FacebookTwitterGoogle+